Master Universitario di II livello denominato “Costruire il Paesaggio. Rischi ambientali e contratti di fiume”

Locandina Master Costruire il paesaggio

Bando di ammissione 2022/23 e modulistica

Il Master Universitario di II livello denominato “Costruire il Paesaggio. Rischi ambientali e contratti di fiume” vuole formare ed aggiornare esperti e progettisti del territorio e del paesaggio capaci di operare attraverso nuovi approcci integrati e interdisciplinari per la pianificazione e progettazione, lo sviluppo e la gestione sostenibile del territorio, professionisti con un’adeguata capacità previsionali e conseguente programmazione della transizione ecologica. 

Le attività formative interdisciplinari del Master consentono di affrontare in termini progettuali le vulnerabilità degli spazi abitabili alla scala territoriale, urbana e dell’architettura.
La tematica della sicurezza dei territori, secondo la impostazione delineata dalla Direttiva 2007/60/CE, è da perseguire non solo tramite la realizzazione di opere infrastrutturali ma anche mediante azioni non strutturali e di prevenzione, interventi di rinaturalizzazione dei corsi d’acqua, di operazioni integrate di delocalizzazione degli elementi a rischio, con una prospettiva temporale di medio e lungo periodo.

La necessità di adottare nuovi approcci progettuali per l’adattamento ai cambiamenti climatici e agli eventi estremi nasce dall’urgenza improcrastinabile di aumentare la sicurezza dei territori e delle città e costruire nuove occasioni per ripensare e ri-disegnare spazi urbani sicuri. In questo ambito i contratti di fiume rappresentano forme di progettualità inedite che possono attivare processi virtuosi e alleanze strategiche tra attori diversi sia pubblici che privati.

La data di scadenza delle iscrizioni è stata prorogata al 20 febbraio 2023. 

 

Competenze professionali

Immagine sfondo

Le conoscenze acquisite attraverso il master consentono di approfondire competenze professionali in relazione alla capacità di: 

  • operare nelle situazioni di previsione in relazione agli scenari di rischio ambientale dei territori, di pianificare, mettere in campo progetti e programmi di protezione civile,
  • delineare strumenti e approcci normativi relativi ai contratti di fiume per la gestione dei problemi complessi dei territori del rischio e la collaborazione attiva di differenti attori,
  • progettare azioni strutturali e non strutturali di prevenzione per ridurre le vulnerabilità ambientali ed evitare che si verifichino danni conseguenti a eventi calamitosi,  
  • pianificare strumenti urbanistici e di gestione del territorio, progettare piani d’azione con approcci innovativi legati agli approcci dell’adattamento e del process-oriented,
  • operare in teams interdisciplinari ampliando il bagaglio di esperienze sui contratti di fiume che provengono dal confronto con altri contesti. 

Attività didattiche

Immagine sfondo

Il Master universitario in “Costruzione del Paesaggio. Rischi ambientali e contratti di fiume”, della durata di 12 mesi, prevede lo svolgimento di insegnamenti articolati in moduli, laboratori, seminari, stage, tesi di master e progetto finale, per un totale di 60 crediti formativi universitari (CFU). Il percorso formativo è articolato in attività attività didattiche frontali obbligatorie, corrispondente a 45 CFU per complessive 180 ore assistite, che prevedono lezioni, esercitazioni pratiche e laboratori progettuali relativi ai vari insegnamenti, seminari, discussione di casi concreti, seminari, impartiti da docenti universitari e in dipendenza di eventuali esigenze formative anche da dirigenti pubblici e di aziende private, professionisti ed esperti in relazioni ai temi oggetto del master.

Per tutti gli iscritti al Master si prevede uno stage, nel rispetto della normativa vigente, per un periodo non inferiore a 250 ore.

 

 

 

I 60 CFU necessari al conseguimento del titolo di master sono così distribuiti:

  • insegnamenti (inclusivi di ore di lezione, seminari esercitazione, studio e laboratori): 45 CFU. Ad ogni insegnamento è assegnato un numero di CFU pari a 4 ore;  
  • Stage: 10 CFU; 
  • Progetto finale: 5 CFU.

​L’organizzazione del Master, che terrà conto di tutte le norme sulla sicurezza sanitaria legata ad eventuali stati di emergenza epidemiologica, prevede uno stage, in piena sicurezza sanitaria, presso le strutture del Dipartimento e degli enti partner e/o altra sede che il Collegio dei docenti riterrà idonea alla formazione del corsista. 

Requisiti

Immagine sfondo

Possono partecipare al Master i laureati e le laureate in possesso di una laurea specialistica/magistrale, di una laurea conseguita secondo il vecchio ordinamento, o di altro titolo equivalente conseguito all’estero tra le seguenti: laurea magistrale (LM-48) in Pianificazione territoriale urbanistica e ambientale, laurea magistrale (LM-35) in Ingegneria per l’ambiente e il territorio, laurea magistrale (LM-4) in Architettura e ingegneria edile-architettura, laurea magistrale (LM-49) in Pianificazione e gestione dei sistemi turistici, laurea magistrale (LM-23) in Ingegneria civile, laurea magistrale (LM-56) in Scienze dell’Economia, laurea magistrale (LM-74) in  Scienze e tecnologie geologiche, laurea magistrale (LM-75) in Scienze e tecnologie per l’ambiente e il territorio, laurea magistrale (LM-76) in Scienze economiche per l’ambiente e la cultura, laurea magistrale (LM-10) in Conservazione dei beni architettonici e ambientali,  laurea magistrale (LM-24) in Ingegneria dei Sistemi Edili, laurea magistrale (LM-84) in Scienze Storiche, laurea magistrale (LM-77) in Scienze economico-aziendali, laurea magistrale (LM-88) in  Sociologia e ricerca sociale, laurea magistrale (LM-87) in  Servizio Sociale e politiche sociali, laurea magistrale (LM-80) in Geografia e scienze territoriali.

Il collegio dei docenti si riserva la facoltà di ammettere alla selezione i candidati in possesso di una laurea specialistica/magistrale non inclusa tra quelle previste quale requisito di ammissione, purchè in possesso di un documentato bagaglio professionale attinente alle tematiche del Master. 

QUOTA DI ISCRIZIONE

Immagine sfondo

La quota totale di iscrizione al master è di euro 1.500,00 comprendenti, oltre alla quota a favore del centro autonomo di spesa, l’imposta di bollo (€ 16,00), il contributo a favore dell’Ateneo (€ 475,15) e le quote relative alla copertura assicurativa dei corsisti per infortuni e RC verso terzi per le attività didattiche e la frequenza dello stage.

L’importo dovrà essere versato obbligatoriamente (pena l’esclusione dal master) mediante il sistema Pago-PA, in tre distinte rate:

  • € 565,15 da versare all’atto dell’immatricolazione (comprensivi di contributo di Ateneo, imposta di bollo, copertura assicurativa e contributo di frequenza), con i sistemi di pagamento elettronici previsti dall’iniziativa Pago-PA
  • € 467,50 da versare entro il 30 marzo 2023; 
  • € 467,50 da versare entro il 31 maggio  2023. 

Per approfondire