Corso di laurea magistrale in Architettura (Classe LM4)

Architettura sito web

Il corso di Laurea costituisce il completamento del percorso di studi che forma la figura dell'Architetto, in grado di muoversi all’interno dei più diversi processi di progettazione complessi su tematiche architettoniche, urbane, ambientali, paesaggistiche e territoriali. In particolare, obiettivo chiave del corso di Laurea è la formazione di progettisti in grado di confrontarsi con competenza, consapevolezza e autonomia con la complessità dell’ambiente e del patrimonio storico e culturale secondo un approccio incentrato su durabilità e sostenibilità. Il corso di laurea magistrale proposto prevede, nei due anni di studio, l'ampliamento delle competenze, maturate nel precedente corso di laurea triennale; il laureato svilupperà quindi in termini specialistici competenze nel campo del progetto architettonico, urbano e territoriale secondo un approccio interdisciplinare e interscalare, con piena conoscenza degli aspetti culturali, estetici, etici, ecologici, sociali, gestionali, distributivi, funzionali, strutturali, tecnico-costruttivi, esecutivi, normativi ed economici. Il percorso formativo è focalizzato sulle tematiche più attuali degli scenari contemporanei, sui mutamenti e sui bisogni espressi dalla società contemporanea quali sostenibilità ambientale, economica e sociale, sul recupero e il riuso del patrimonio costruito, sulla rigenerazione della città contemporanea, sulle nuove domande emergenti dai nuovi stili di vita e dalle nuove forme dell'economia, sui sistemi integrati di fruizione, gestione e promozione del patrimonio culturale, sull’innovazione tecnologica e sull’uso efficiente delle risorse.

Il corso prevede due curricula distinti.

  • Curriculum in Architettura. Prevalentemente orientato verso l’approfondimento di temi progettuali complessi alle diverse scale, territoriale, urbana e architettonica, il curriculum architettura è stato pensato come  completamento di un percorso formativo capace di preparare gli studenti al mondo del lavoro e della professione permettendogli  di arricchire il proprio bagaglio di conoscenze attraverso esperienze progettuali interdisciplinari capaci di esplorare e affrontare la complessità dei temi più attuali della società contemporanea.
  • Curriculum in Design. Prevalentemente orientato verso l’interior design, il media design e l’exhibit design, il curriculum design è stato pensato per affiancare alla formazione tradizionale dell'architetto professionalità ed esperienze chiave per operare anche nel campo del design.

Percorso formativo

Il corso di laurea offre tre percorsi didattici alternativi:

1) percorso locale (conferisce solo il titolo di laurea magistrale in Architettura)

2) percorso internazionale con doppio titolo: Laurea Magistrale in Architettura e "Joint master degree European master in integrated sustainable design in the Mediterranean world", conseguito iscrivendosi allo specifico percorso internazionale e frequentando per almeno un semestre gli insegnamenti previsti presso le Università partner ( École Nationale Supérieure d'Architecture (ENSAM) e Universidad de Alcalà), nonché partecipando ai workshop previsti nell'accordo

3) percorso internazionale con doppio titolo: Laurea Magistrale in Architettura e "Master of Architecture", conseguito iscrivendosi allo specifico percorso internazionale e frequentando per almeno un semestre gli insegnamenti previsti presso l' Università partner di Tianjin (Cina), nonché svolgendo nel semestre successivo il tirocinio presso gli enti convenzionati con l'Università partner.

Il percorso si conclude con un'attività di fine carriera (tirocinio e dissertazione) svolta in Italia o all'estero. I laureati in Architettura hanno per questo l'opportunità di proiettarsi in un ambiente di apprendimento e di scambio internazionale e hanno maggiori opportunità di job placement.

 

AMMISSIONE

I candidati che facciano richiesta di accesso al Corso di Laurea Magistrale devono essere in possesso dei seguenti requisiti: 
a) superamento del test di ammissione al numero chiuso programmato nazionale;
b) possesso della Laurea in classe L17 o conseguimento dei crediti minimi indicati nella classe L 17 per ogni ambito disciplinare.
Secondo le modalità indicate nel Regolamento didattico del Corso di Laurea è inoltre è prevista una verifica della personale preparazione del candidato sulla base del curriculum degli studi precedenti, del portfolio e di un colloquio o test. Durante il colloquio sarà verificato anche che il candidato sia in grado di utilizzare fluentemente almeno una lingua dell'Unione Europea oltre l'italiano, ad un livello non inferiore al B2 del QCER, con riferimento anche ai lessici disciplinari. 
Tale verifica darà luogo ad una graduatoria per l'ammissione al Corso. 
La valutazione dei curricula di studio svolti all'estero verrà effettuata sulla base di corrispondenze tra i contenuti dei corsi e i Settori scientifico-disciplinari. Eventuali integrazioni curricolari in termini di CFU devono essere acquisite prima della verifica della preparazione individuale.

Bando di ammissione

SBOCCHI PROFESSIONALI

La libera professione, anche in forma associata, è tra gli sbocchi occupazionali tipici. Impieghi della figura professionale dell'architetto sono, tra gli altri, anche quelli presso uffici tecnici di enti pubblici ed imprese private, in studi di architettura e di ingegneria operanti nel campo della progettazione architettonica o della produzione dei processi e dei manufatti edilizi.

Il laureato magistrale in Architettura può conseguire l'abilitazione per l'esercizio delle seguenti professioni regolamentate: Architetto, Dottore agronomo e Dottore forestale, Ingegnere civile e ambientale, paesaggista, Pianificatore territoriale.

L’esercizio dell’attività professionale (dopo aver superato l'Esame di Stato per l'abilitazione all'esercizio della professione e l'iscrizione all'Ordine Professionale degli architetti, pianificatori, paesaggisti e conservatori - sezione A dell'albo) riguarda in particolare

  • la ricerca applicata nel campo dell'architettura e dell'ingegneria civile;
  • la progettazione di edifici e manufatti civili e nei processi ideativi e procedurali connessi;
  • la progettazione di interventi di restauro di beni architettonici anche di carattere complesso;
  • il coordinamento dei processi utili per rilevare, rappresentare, progettare, sovrintendere alla costruzione e alla manutenzione dei manufatti e degli impianti d'uso e dei sistemi legati alla sicurezza;
  • l' analisi dei costi  e valutazioni  economiche delle opere edilizie.

La laurea magistrale consente inoltre di accedere a master universitari di secondo livello nonché a corsi di dottorato di ricerca.

Infine i laureati potranno accedere alle classi di concorso per l’insegnamento negli istituti secondari di primo e secondo grado, secondo le modalità previste dalla normativa vigente.